© 2015 by Ascension Magazine. Proudly created with Wix.com

Privacy e termini utilizzo

OFFICIAL LINKS

  • Instagram Icona sociale
  • Facebook App icona
Please reload

Recent Posts

Versioni demo mai ascoltate prima di Morrissey e The Smith

December 30, 2015

1/5
Please reload

Featured Posts

Recensione: Twin Tribes "Ceremony"

January 17, 2020

TWIN TRIBES “Ceremony”

(lp, cd / Manic Depression-Young And Cold Records, Negative Gain)

 

Dopo essersi imposti all’attenzione del pubblico e della stampa specializzata, con il debut album “Shadows” (2018), i Twin Tribes tornano alla carica con il nuovo “Ceremony”, disco che promette di andare oltre il già notevole successo raccolto dal suo predecessore, in continua ristampa, tra versioni in cd ed in vinile Il duo texano mette ulteriormente a fuoco la sua formula, imperniata su un classico suono darkwave, melodico e malinconico, cesellato da chitarre e synths, con le dieci tracce che compongono il nuovo album. “Heart & Feather”, seconda traccia del disco, è un perfetto esempio del sound dei Twin Tribes: melodie fresche ed immediate, debitrici della lezione della miglior darkwave anni ’80, riveduta e corretta con gusto moderno. I brani di “Ceremony” si susseguono senza sbagliare un colpo, ora indugiando maggiormente sul lato malinconico (“The River”, “Avalon”, “VII”), ora su quello più melodico/danzereccio (“Heart & Feather”, “Fantasmas”), trovando in “Obsidian” il brano più cupo del disco (qualcosa di paragonabile all’oscurità glaciale dei Cure di “Faith”). Si usa dire che il secondo album è quello più difficile per un artista: in questo caso Twin Tribes passa l’esame alla grande, con un disco che risulta anche migliore del suo pur pregevole predecessore. Voto: 8,5/10

 

https://www.manicdepression.fr/

https://youngandcold.de/

Please reload

Follow Us
Please reload

Search By Tags