© 2015 by Ascension Magazine. Proudly created with Wix.com

Privacy e termini utilizzo

OFFICIAL LINKS

  • Instagram Icona sociale
  • Facebook App icona
Please reload

Recent Posts

Versioni demo mai ascoltate prima di Morrissey e The Smith

December 30, 2015

1/5
Please reload

Featured Posts

Recensione | Kyrie : "Forma E Colore Delle Nascoste"

March 2, 2020

KYRIE

Forma E Colore Delle Nascoste

(CD/Digitale, autoproduzione)

Sono passati quasi 25 anni da quel “Biennale”, primo embrione della storia musicale dei Kyrie, laddove la prima cosa che colpiva erano i colori vivaci del booklet come ispirati dagli umori di certa arte pittoresca, gli stessi che oggi ritrovo all'interno del libretto del nuovo “Forma E Colore Delle Nascoste”. Così come allora, sin dal primo ascolto, i testi riscoprono sensazioni che ritornano come quella sottile alchimia che, da sempre, unisce musica e pittura in un'espressione fatta delle mille sfumature dell'anima dei loro compositori. Il nome Kyrie è la creatura della poliedrica anima poetica di Piero Sciortino (voce e chitarra), così come accompagnato in questa nuova esposizione emozionale da Dario Sangiorgi (basso), Roberto Vidé (tastiere) e Renato Bartinelli (batteria). Tutto questo per un'ora di raffinata melodia dove suoni, emozioni e testi si fondono tra di loro come i colori di una tela che prende forma tramite la verve polistrumentista del suo autore. Stesso autore che ci offre qui dieci tracce per un viaggio attraverso la storia dei Kyrie, così come rivissuta sotto nuove luci ed arrangiamenti. Disco che, vista la tremenda difficoltà nel farsi notare all'interno di un attualità assordante ed inutile, esce naturalmente autoprodotto: proposta che, con delicati arrangiamenti, unisce tra loro suoni, parole e colori con perfetto equilibrio e buon gusto. Si inizia con le atmosfere new-wave di “Con La Colpa”, brano con un testo che rimembra nebbie interiori sulle quali aleggiano ombre kafkiane, onde proseguire con le sonorità soffici e rallentate di una “Pomeriggio Di Pioggia” che invita l'ascoltatore a riflessioni crepuscolari. Deciso il cambio atmosferico per la successiva “Non Sei Qui”, con una sorta di raffinata rockwave dai suoni energici, perfetta per celebrare con magico senso armonico un connubio con un testo da brividi. A seguire quindi un'altra gemma poetica, “Mia Madre Da Giovane”, brano che nel suo caleidoscopio musicale racchiude quell'essenza emotiva che i Kyrie hanno saputo profondere fin dagli esordi. “Da Lontano” è invece una specie di viaggio strumentale fatto di velati passaggi dal sapore dissonante sul quale, come in un gioco tra luci e ombre, scorre una rarefatta riflessione tra mondi e distanze. La sesta traccia dell'album altro non è che una nuova esposizione di “Biennale”, brano che segna il mio incontro con le emozioni e i colori che questa band è riuscita a trasmettermi sin da subito: mi pare fosse il 1996, o forse era oggi, o molto probabilmente sarà quel domani in cui li rivedrò suonare dal vivo. La nuova “Biennale”, come presentata in “Forma E Colore Delle Nascoste”, si è rivestita di nuove tinte così da restare semplice con la sua originaria magia senza tempo. Arriviamo quindi a “Riflessioni Di Un Malato”, altro testo che, snonandosi tra sinuose sonorità waveggianti, scaturisce dal profondo per spingerci a riflettere sul ruolo del malato come imprigionato in una società di omologazioni imposte. Per l'abito dai tratti brumosi che riveste le liriche di “Nessun Campanile” torna quindi in azione un gioco di sonorità vagamente dissonanti a impregnare di nostalgia il brano. Con “La Comparsa” si rifanno vive sonorità new-wave corpose, assemblate con godibilissima armonia, ad accompagnare, ancora una volta, un testo veramente bello e pieno di emozioni. Il lavoro si chiude quindi con “Il Ritorno (L'Aeronauta Che Scende)”, brano che ci riporta indietro nella storia dei Kyrie, qui riproposto in maniera esemplare così da evidenziare nuovamente un passaggio poetico senza tempo. L'aeronauta, questo simbolo di ricerca la cui discesa sulla Terra è accompagnata da una stupenda veste melodica, va così a concludere un lavoro notevole, in grado di restituirci la musica di una band totalmente sottovalutata capace di offrire emozioni a quei pochi che sino dagli anni novanta hanno saputo coglierle. Infine, una citazione al merito per la scelta del gruppo milanese di avere racchiuso qui una delle più belle riflessioni del grande Italo Calvino sul bordo dell'ultima pagina del booklet e, quasi d'obbligo, un incitamento a Piero nel continuare a discernere ciò che non è inferno nella realtà che lo circonda accettandone dunque ogni conseguenza. Voto: 9/10

https://kyriemilano.bandcamp.com/

https://www.facebook.com/kyrie.bandmilano/

 

Tags: #kyrie #kyriemilano #formaecoloredellenascoste #newwave #italiannewwave #waveitaliana

Please reload

Follow Us
Please reload