© 2015 by Ascension Magazine. Proudly created with Wix.com

Privacy e termini utilizzo

OFFICIAL LINKS

  • Instagram Icona sociale
  • Facebook App icona
Please reload

Recent Posts

Versioni demo mai ascoltate prima di Morrissey e The Smith

December 30, 2015

1/5
Please reload

Featured Posts

Recensione | Wayne Hussey & The Divine : Live At Yellow Arch

April 3, 2020

WAYNE HUSSEY & THE DIVINE

Live At Yellow Arch

(CD/2LP/Digitale, Eyes Wide Shut Recordings)

Questo live registrato in studio con i The Divine rappresenta uno dei momenti più riusciti della carriera artistica di Hussey al di fuori dei Mission. A condividere con Wayne (qui alla voce e alla chitarra acustica) la sua poetica più romantica ed intimista troviamo un pianoforte, un violino, un violoncello, un contrabbasso, nonché la struggente vocalità di Evi Vine. Tra i brani riproposti in quella che definirei “una sorta di concerto da camera”, logico, trovano collocazione molti estratti dal repertorio con “la missione”, sebbene tutti ricostruiti da suoni e mood nuovi e diversi. L'immagine suggeritami dalle atmosfere di questo album è quella di una vecchia fotografia in bianco e nero come ritoccata, ripresa, ricolorata, restaurata con pastelli ed acquerelli. A sostituire gli spazi rimasti bianchi della foto troviamo dolci spennellate di violetto, rosa e verde acqua: colori vivi, gioiosi, ma mai aggressivi o tra loro in contrasto. La scelta di apertura della performance con una struggente reinterpretazione di “Look On Down From The Bridge” dei Mazzy Star palesa le intenzioni di un lavoro in bilico tra gioie e dolori, tra dolcezza e amarezza del vivere. “Live At Yellow Arch” è l'ennesima missione compiuta di un artista che non ha mai avuto paura di confrontarsi con nuove scelte musicali, anche a costo di perdere l'ammirazione di quei fan che l'avevano idolatrato per i suoi gotici riff di chitarra artefici delle atmosfere brumose di Mission e Sisters Of Mercy. Mi è piaciuto tutto di questo “live in studio” di Wayne e soci, ma se dovessi essere costretto a scegliere i due highlight del lavoro, parere personale, le mie lodi andrebbero a “Crystal Ocean” (classico degli albori dei Mission, qui totalmente reinterpretato in inedita veste orchestrale) e a quella “The Long Goodbye” composta da Hussey un paio d'anni fa' per il primo album del super-gruppo dei Beauty In Chaos. Voto: 9/10

 

https://www.facebook.com/themissionuk/

www.themissionuk.com

 

Tags: #waynehusseyandthedivine #waynehussey #themission #themissionuk #evivine #acousticmusic #orchestralmusic

Please reload

Follow Us
Please reload

Search By Tags